___________________________________________________

.
  • "Le dieci meraviglie del tesoro di San Gennaro" Opera editoriale per valorizzare il territorio

    La presentazione dell’opera editoriale "Le dieci meraviglie del Tesoro di San Gennaro", edito dal Poligrafico dello Stato, rappresenta l’inizio di un programma triennale che, partendo proprio da San Gennaro e dall’immenso e unico patrimonio artistico e culturale donato al Santo Protettore esposto nel Museo, promuova, valorizzi e riqualifichi il
    territorio. Lo stretto legame con Napoli e la sua autonomia di gestione sulla città - sanciti da quattro bolle papali nell’arco di due secoli e dal riconoscimento ufficiale della Repubblica italiana del 1948 – fanno di San Gennaro non solo un patrimonio inestimabile per la gente napoletana ma anche una figura di grande rilievo nel difficile percorso verso la rinascita di Napoli. Lo speciale annullo postale che avverrà in occasione della presentazione dell’opera editoriale curata da Paolo Jorio e Franco Recanatesi rappresenta non solo un evento simbolico, ma ribadisce il posizionamento del Museo del Tesoro di San Gennaro rispetto alla città. Il primo grande evento sarà una mostra dal titolo "Le Pietre della devozione, le meraviglie del Tesoro di San Gennaro" che coinvolgerà il territorio attraverso l’esposizione di parte del Tesoro in altre strutture. In tal modo da aprile a giugno 2011 parte del Centro Storico di Napoli offrirà ai visitatori un percorso unico attraverso i sette secoli della storia di San Gennaro. Il Museo del Tesoro di San Gennaro sta coinvolgendo nel suo progetto partners qualificati come il CNR, per la realizzazione di esposizioni virtuali e sul web, e una rete di imprenditori e aziende di primissimo piano, come il gruppo editoriale Il Denaro, media partner del Museo. Il prologo avrà inizio già dalla prossima settimana con una serie di eventi volti ad animare il territorio secondo il seguente calendario. 7 dicembre - “Una notte al Museo del tesoro” - Apertura straordinaria promossa dal Museo che si protrarrà sino alle 24,00. 9 dicembre – Festeggiamenti per il settimo anniversario del Museo, inaugurato il 9 dicembre del 2003, con la cerimonia di apposizione di una targa commemorativa in ricordo dell’orafo Matteo Treglia nella Piazzetta del Borgo degli Orefici a Napoli in ricordo di uno dei più grandi artisti napoletani, autore tra l’altro della famosa mitra gemmata realizzata per il busto di San Gennaro e considerata una delle opere più preziose al mondo. Dopo la cerimonia sarà inaugurata una esposizione dedicata a Cosimo Fanzago. Bozzetti originali e progetti del famoso scultore architetto, da sempre custoditi ma mai esposti nell’Archivio della Cappella del Tesoro, saranno finalmente visibili al pubblico; in mostra anche fotografie che riguardano la Guglia di San Gennaro, realizzata in piazza Riardo Sforza dai rappresentanti dei sedili della città in ringraziamento al Patrono di Napoli per lo scampato pericolo dopo la violenta eruzione del Vesuvio del 16 dicembre 1631. Per festeggiare il compleanno, inoltre, i visitatori riceveranno in omaggio un originale calendario di San Gennaro composto da 12 cartoncini segnalibro. 16 dicembre – Dalle ore 9,00, esposizione delle ampolle del Sangue di San Gennaro, terza data dell’anno in cui si celebra la “cerimonia della liquefazione del sangue” in ricordo della processione con la quale i napoletani nel 1631 portarono il busto e le ampolle del sangue del Santo Protettore al Ponte della Maddalena per arrestare la lava che stava minacciando la città. Miracolosamente, il sangue si sciolse e la lava si fermò. Nel pomeriggio alle ore 18,00, evento musicale nella Cappella del Tesoro di San Gennaro. - 24, 25, 26, 31 dicembre, 1 gennaio - Come ogni anno, il Museo rimarrà aperto dalle 9,00 alle 19,00. Per la presentazione del libro “Le dieci meraviglie di San Gennaro”, si ringraziano: Gala Eventi, l’attore Lello Radice e i musicisti Gianluca Falasca e Aniello Palomba Nel dvd allegato troverete le immagini delle 10 meraviglie con alcune note storico/aneddotiche.

    http://www.bigol.net/index.php?p=articolo&value=69266

0 commenti:

Leave a Reply