___________________________________________________

.
  • Chiesa di San Lorenzo Maggiore

    Mirabile esempio di stratificazione architettonica, la chiesa napoletana  di S. Lorenzo Maggiore, forse il luogo di culto piu' importante nel periodo medioevale, fu eretta nel corso del XIII e del XIV secolo, su un preesistente impianto del VI sec. d.C. e su resti di epoca romana. La parte absidale, iniziata in epoca angioina da maestranze francesi, fu continuata nel XIV secolo da architetti del luogo, che decisero di utilizzare per la navata antiche colonne. Rimaneggiato e consolidato in periodo barocco, l'edificio e' stato restituito all'originario stile gotico grazie a recenti restauri, che hanno eliminato le ricche decorazioni dell'interno, lasciando invece intatta la facciata: questa, realizzata nel 1742 dall'architetto Ferdinando Sanfelice, conserva ancora il trecentesco portale marmoreo con gli originari battenti in legno. L'interno della chiesa, a croce latina, lascia cogliere in modo evidente la differenza architettonica tra la navata a capriate di legno, abbastanza lontana dai modelli transalpini, e l'abside di forma poligonale, con deambulatorio e cappelle laterali, concepita secondo lo stile gotico francese. Attraversando un maestoso arco trionfale, si giunge al transetto, nel cui pavimento e' messa in rilievo la pianta dell'edificio paleocristiano. Si segnalano, inoltre, la cappella Cacace, uno delle piu' eleganti e raffinate strutture del '600 napoletano, e la cappella di S. Antonio, nella quale sono custodite alcune tele di Mattia Preti. Dal chiostro dell'adiacente convento, o da una porta posta all'interno della chiesa, prima del transetto, si accede infine agli scavi che mostrano la stratificazione dell'abitato in eta' greco-romana e altomedioevale, con significativi resti di un macellum, il mercato cittadino, risalenti alla II meta' del I secolo a.C.

    http://www2.esperia.it/pls/esperia/!makepage?ObjSrcID=6180&SelCod=6189&page=25#

0 commenti:

Leave a Reply